EVENTI

In questa pagina vengono elencate tutte le attività dell’Associazione, in campo culturale, ricreativo e di solidarietà (ad esempio i libri e le pubblicazioni editi, il cippo del XXV°, l’Angelo della Stecca, la vetrata del Duomo), il “Premio Stecca Città di Como”, il “Premio Stella di Natale F. Baratelli”, la borsa di studio “A. Colombo”, il Premio “Como nel Mondo” ecc.
Si parlerà quindi anche delle serate di “Suoni e Luci in Concerto”, delle manifestazioni tipo “Sapori del lago”, “La Stecca si racconta” ecc.
In questa pagina verranno menzionate le iniziative future purchè organizzate dalla Stecca o da una o più Commissioni.
Libri e pubblicazioni editi:
“Coraggio viviamo” di G. De Simoni
“Como e le sue radici” di G. Luraschi
“Sognato Lario, lunate sponde”
“1969-1989 – I nostri 20 anni”
“La Stecca racconta …. a Como”
“Guida panoramica da Como a Tremezzina”
“Oltre Terragni – la cultura del razionalismo a Como negli anni 30”
“377 Ex voto dipinti” della Basilica SS. Crocifisso
Litografie ” Vetrata del Duomo di Como”
” 1913 ”
” 1914 ”
” 1915 ”
” Classe 1916 ”
” Classe 1919 ”
” Classe 1920 ”
” Classe 1921 ”
” Classe 1924 ”
” 20 anni insieme ” 1925
” Amici del ’27 ”
” Noi del ’28 ”
” Semm del ’30 ”
” 1931 ”
“Classe 1932 – 10 anni insieme”
” 1933″
” 1937″
“Album dei ricordi 1943″
” Accadde nel “47”

L’Associazione “La Stecca” pubblica dal 1995 un proprio bollettino, a cadenza trimestrale, dal titolo “Notiziario delle Classi”. Il Notiziario viene distribuito a tutti gli associati delle diverse classi, e vi si trovano citati gli avvenimenti riguardanti la vita e le attività che avvengono in seno all’Associazione; le classi associate a loro volta pubblicano articoli, spesso corredati da fotografie, riferendo sulle attività svolte, o parlando dei loro programmi e delle iniziative future.
Un Angelo in marmo bianco, sistemato sotto le volte antistanti la chiesa del Cimitero, dà l’arrivederci della città a quanti, concluso il cammino terreno, hanno avviato quello dell’eternità. La statua, raffigurante un angelo che tiene in braccio un bambino, scolpita in marmo di Carrara, è opera dello scultore comasco Natale Tattarletti, datata 1922, ed è stata donata all’Associazione da una benefattrice facente parte della stessa, nell’anno 1985.
Tra le iniziative culturali della Stecca, soprattutto da segnalare, anche perché riguardante l’intera città di Como, è la splendida vetrata policroma, opera del Maestro Luigi Veronesi, donata alla Cattedrale in occasione del 600 anniversario della stessa. Va tra l’altro rilevato, a testimonianza di come l’Associazione sia da decenni radicata nella vita della città, che la citata vetrata è l’unica esistente che sia stata posta in opera in epoca successiva rispetto alle originali, ad abbellire il nostro Duomo, da secoli simbolo e vanto di Como.

Ai giardini pubblici, in una delle aiuole antistanti il Tempio Voltiano, dall’erba verde spunta una pietra in granito, con inciso semplicemente “X X V STECCA”: è il cippo che ricorda il venticinquesimo anniversario della nostra Associazione, e, sotto i rami protettivi di un grande salice, venne posto lì dal “Presidentissimo” Baratelli in occasione del primo quarto di secolo di vita della Stecca per ricordare a tutti, comaschi e non, la nostra presenza attiva nell’aiutare il prossimo e l’amore dell’Associazione nei confronti della nostra bella città, Como.
Piazzetta Felice Baratelli
La passeggiata a lago più antica di Como è quella di Villa Geno. Al termine una piazzetta che ci consente di vedere le rive che abbracciano il lago.
Il giorno 12 Ottobre 2006 è stata intitolata al nostro Presidentissimo Felice Baratelli.
Tra le attività della Stecca, bisogna pure ricordare quelle ricreative e che sono occasione per ritrovarci in amicizia e serenità, senza tuttavia mai perdere di vista quello che è lo scopo basilare dell’Associazione: fare del bene ed aiutare i meno fortunati.
Tra le iniziative in questo senso, da porre in risalto senz’altro sono le serate che ogni anno vengono organizzate dal Comitato di “Suoni e Luci in concerto”.
Ogni venerdì sera, durante i mesi estivi, nei giardini antistanti la stupenda Villa Olmo, ci si ritrova tutti (a proposito, chiunque è ben accetto se vuole partecipare, anche se non è iscritto alla Stecca) ad ascoltare della buona musica che è lo spunto per far sciogliere in favolosi e coinvolgenti balli tutti i presenti, dai neocinquantenni ai meno giovani, e per trascorrere in allegria piacevoli serate in uno scenario da favola. Naturalmente il ricavato di queste serate viene poi destinato alla solidarietà in ambito locale.
Novità rispetto alla precedente, ma pure importante come elemento di aggregazione, è la manifestazione “I Sapori del lago” che, con la collaborazione dell’A.N.A. di Como, ha visto la luce nel Luglio 2006: anche qui musica per tutti, intrattenimenti e giochi vari per i più piccoli, degustazione di piatti tipici lariani, il tutto organizzato nel “salotto” di Como, la mitica P.za Cavour.
A giudicare dal successo ottenuto in questa prima edizione, si può ben pensare che ci saranno altre manifestazioni similari nel futuro, fino a diventare un appuntamento tradizionale della Stecca.
Altra manifestazione molto importante è quella organizzata il 23.09.2006, dal nome “La Stecca si racconta”, che ha visto per la prima volta la nostra Associazione in una uscita pubblica, e che è stata l’occasione per presentare a tutti ciò di cui la Stecca si occupa. A partire dalla sua istituzione, è stata raccontata la storia e lo sviluppo nel corso degli anni della Stecca, le varie iniziative benefiche e culturali, il rapporto che l’Associazione ha avuto e ha tuttora con la città, e l’iniziativa, che non ha precedenti, è sata illustrata, attraverso interessanti fotografie, disegni e pubblicazioni, gli oltre 45 anni di vita della Stecca.