ù

 

Ogni anno, nel mese di giugno, l’Associazione La Stecca di Como festeggia l’ingresso di una nuova Classe di cinquantenni. Una nuova Classe di aggiunge così ogni anno alla grande “famiglia” della Stecca, portando  nuovi progetti, nuovi volti  che sempre condividono gli scopi e la visione dell’Associazione, con modalità e sensibilità ogni anno diverse e rinnovate.

Questo è forse il segreto della Stecca, che riesce a tenere insieme persone di età, professioni, esperienze diverse unite in un intento comune: fare del bene, rinsaldando e costruendo legami di amicizia.

Quest’anno è stata la volta della Classe 1967, festeggiata il 9 giugno con una serata di gala a Villa del Grumello.

Più di 200 persone tra i nati nel 1967, i loro amici e i rappresentanti della Associazione si sono ritrovati nella straordinaria cornice della settecentesca Villa, le cui origini risalgono però a due secoli prima. Una cena, qualche discorso di “insediamento” del presidente Francesco Pizzala e della Rosa d’Oro Elena Genesoni, musica jazz dal vivo (grazie a Stefano Fagetti, vicepresidente Classe 1967 e sassofonista, che ha suonato in trio), balli e tanto divertimento.

La serata ha permesso di iniziare la raccolta fondi a sostegno dell’associazione Il Sorriso di Cernobbio, Premio Stecca Città di Como 2017 , che la Classe 1967 intende sostenere per il progetto specifico di una casa per la vita in autonomia di ragazzi disabili  http://www.ilsorriso.org

Nelle foto:  Vista del lago dal parco di Villa del Grumello – La Rosa d’Oro 1967 Elena Genesoni con la Rosa d’Oro della Stecca Mari Boggia, il presidente del 1967 Francesco Pizzala e il presidente della Stecca Marco Malinverno.